mercoledì 17 maggio 2017

100 ANNI FA NASCEVA IL PRIMO FRANCOBOLLO DI POSTA AEREA


Un primato tutto italiano. Il 22 maggio 1917 un biplano portò da Torino a Roma cento copie de La Stampa. Per l'occasione nacque la prima affrancatura di posta aerea. Il pilota che inaugurò la posta  aerea si chiamava Mario De Bernardi.

VITA DI GERTRUDE BELL, LA DONNA CHE INVENTO' L'IRAQ

Girava in lungo e in largo con una macchinetta fotografica al collo, appassionata com'era di paesaggi ed antichità. Attraversava i deserti con una carovana di cammelli, sui quali caricava di tutto: vestiti, scarpe, e persino una vasca da bagno. Veniva accolta dappertutto dagli arabi, che la chiamavano "Al Khatuna", "La Signora". E parlando parlando con loro, anche negli harem, con le mogli dei capi, carpiva segreti che erano preclusi a qualsiasi spia britannica. Sì, perché Gertrude Bell (1868-1926) era una spia. Grazie al documentario Letters from Baghdad, girato da due americani, Sabine Krayenbhül e Zeva Oenbalum, finalmente emerge la storia particolare di questa donna quasi dimenticata, ma che ebbe un grosso ascendente su Churcill e su Lawrence d'Arabia, allorché,nel 1921, si trattò di plasmare il nuovo Stato dell'Iraq, con confini ed istituzioni voluti da lei. Al punto che i giornali londinesi titolarono: "Il destino del Paese è nelle mani di due uomini e una donna".
In anni recenti Nicole Kidman ha interpretato la sua storia, ma ora il documentario approfondisce molti aspetti, servendosi delle foto scattate da Gertrude Bell e delle sue 1700 lettere.
Il documentario è girato in bianco e nero.
Da ricordare che Gertrude Bell fondò il museo di Baghdad, che è stato saccheggiato durante la guerra del Golfo nel 2003 ed è stato riaperto da poco tempo con l'aiuto dell'Italia.

martedì 25 aprile 2017

LIBERARE I PAESI DALLE ABITUDINI

Bisogna starci, nei paesi.
Bisogna arrivarci, nei paesi. Bisogna camminarli, attraversarli, parlare con i vecchi, con un cane, con un papavero che sta sul ciglio della strada.
La vera liberazione - in un paese - è quella dall'abitudine, dal parlare sempre con le stesse persone, vedere le cose sempre con gli stessi occhi e produrre - sempre - gli stessi sguardi. Dobbiamo liberare i paesi dalle abitudini. Dobbiamo liberare i paesi da quelli che qualche illuminato ha definito il "ripetente" e lo "scoraggiatore militante": colui che ripete sempre le stesse cose, lo stesso ruolo, dice le stesse cose con la medesima voce stridula e colui che declina il mantra del "non cambierà mai niente" o del "qui non c'è nulla".
I paesi hanno bisogno di costanza e ardimento; i paesi hanno bisogno - come l'acqua - di altri occhi con cui guardare le cose del paese; i paesi hanno bisogno di connessioni con le altre comunità e con le persone che li abitano; i paesi hanno bisogno di sperimentazioni e di invenzioni: i paesi devono liberarsi della "coazione a ripetere".
I paesi devono liberarsi del mito della lamentazione: devono dire cosa possono fare loro per il mondo e non cosa vorrebbero che il mondo facesse per loro (e che il mondo non farà perché mai lo ha fatto).
I paesi si devono liberare della vergogna di parlare la propria lingua, della vergogna di avere le mani sporche di terra, della vergogna di dire le poesie ad alta voce e di cantare le canzoni nei bar.
I paesi si devono liberare dei medici che non curano, dei politici che non ascoltano, dei preti che non pregano. 

(Franco Arminio)

sabato 22 aprile 2017

IL FELICE MATRIMONIO DEL RIFORMATORE HEINRICH BULLINGER CON UNA MONACA

 ______________________________
Di

Il 30 settembre 1527 un messo consegna al convento di Oetenbach una lettera che cambierà per sempre la vita di Anna Adlischwyler. L’ha scritta il pastore Heinrich Bullinger, un compagno del riformatore Huldrych Zwingli.

«Tu se l’unica che ho per la testa», confessa Bullinger alla giovane suora nella lettera. Il pastore dice di voler vivere e condividere tutto con lei. «Sei giovane e Dio non ti ha dato il tuo corpo perché tu rimanga per sempre suora e non faccia nulla perché porti frutto», scrive. Dopo una lode del matrimonio, aggiunge: «Leggi la lettera tre o quattro volte, pensaci e prega Dio che ti faccia conoscere la sua volontà».
Ancora pochi anni prima una lettera del genere sarebbe stata impensabile. Ma dopo la Riforma neppure Zurigo è più come prima. I preti si sposano e le monache, che hanno dedicato la loro esistenza a Dio, voltano le spalle alla vita in convento. Anche il riformatore tedesco Martin Lutero ha sposato una suora, 16 anni più giovane di lui.

Invettiva contro il «predicatore briccone»

A Zurigo già nell’estate 1522 Zwingli ha detto in una predica che la vita conventuale non è basata sulla Bibbia. Ma molte monache non conoscono altro, perché le loro famiglie le hanno mandate in convento che erano ancora bambine. Per questo alcune di loro sono indignate contro la decisione del governo cittadino di nominare il riformatore Leo Jud loro assistente spirituale. Inveiscono contro questo «predicatore briccone», che dicono inviato dal diavolo. Una di loro arriva persino a minacciare di «defecare nel suo evangelo».
Tra i cattolici e i protestanti scoppia un’aspra contesa per conquistare le anime di queste pie donne. Monaci predicatori cattolici tentano persino di scavalcare le mura del convento con scale a pioli per leggere la messa alle suore.

Il governo cittadino lascia la scelta alle suore

Nell’estate del 1523 il governo fa sapere che le monache possono scegliere: potranno sposarsi e vivere in una casa onorata oppure restare in convento. Due anni dopo il convento di Oetenbach è chiuso ufficialmente.
Ventotto suore scelgono la vita secolare. Possono portare con sé i loro abiti e i loro mobili e la città restituisce loro le prebende che le famiglie hanno versato al convento. Anche il denaro che hanno investito per ristrutturare le loro celle viene loro risarcito.
Quasi la metà delle suore trova presto un marito, una di loro sposa persino il cappellano del duomo cittadino, il Grossmünster. Questo matrimonio suscita però grandi polemiche. Molti zurighesi ritengono che non si possa fare, che sia un grave scandalo. Alcuni ne parlano come di un’infamia. Poesie ingiuriose sono appese ai muri, non si sa da chi.
Quattordici suore decidono di rimanere fra le mura del convento. Dovranno però portare abiti civili, frequentare la predica riformata e lavorare, come tutte le «donne onorate». Una di loro è Anna Adlischwyler, che ora deve decidere se accettare la proposta di matrimonio di Heinrich Bullinger.

La madre di Anna si oppone

I due si fidanzano il 29 ottobre 1527 nel Grossmünster. Bullinger torna al suo lavoro nel convento di Kappel, ma la madre di Anna manda all’aria i suoi piani. Se sua figlia si sposa, allora la vedova benestante vuole che almeno lo faccia con un partito migliore del figlio illegittimo di un prete. Anna è una figlia obbediente e prega il fidanzato di sciogliere la promessa di matrimonio.
Bullinger è fuori di sé. In una lettera implora Anna di sposarlo e di non esporlo al ridicolo. Poi le manda il suo amico Zwingli per cercare di farle cambiare idea. Invano.
Non a torto Bullinger teme che la madre possa promettere Anna a qualcun altro. Per questo ricorre al tribunale matrimoniale di Zurigo. Anna deve ammettere di aver promesso a Heinrich di sposarlo, ma ricorda anche di aver sempre detto di non voler far nulla contro la volontà della madre.

Bullinger deve portare pazienza

Zwingli, presente come testimone, aiuta come può il suo amico. Anna gli ha detto che la madre vorrebbe «darle un ricco, ma lei non lo vuole», assicura. Nell’estate 1528 il tribunale sentenzia che il fidanzamento è vincolante e che di conseguenza «Anna non può contrarre matrimonio con nessun altro uomo». Ciononostante Heinrich deve aspettare un altro anno.
Anna lo sposa solo sei settimane dopo la morte di sua madre. Il giorno del matrimonio Bullinger le dedica una poesia, in cui la chiama «imperatrice» e le assicura: «Ora sono calmo, ora sto bene, se io, amor mio, posso essere vicino a te».
È un matrimonio felice, per quanto si possa giudicare oggi. La coppia avrà 11 figli. Nel 1531 Bullinger succede a Zwingli nel ruolo di predicatore nel Grossmünster, sua moglie regge le sorti di una casa aperta a molti ospiti.
Quando dopo trentacinque anni Anna muori di peste, Henrich è inconsolabile. Con un amico si lamenta: «Tu sai che il Signore ha chiamato a sé il bastone della mia vecchiaia, la mia prescelta, la mia fedele moglie, tanto timorata di Dio. Ma Dio è giusto e il suo giudizio è giusto».


martedì 18 aprile 2017

BEPPE FENOGLIO E CONSORTE, RARA IMMAGINE D'EPOCA

(Centro Studi Beppe Fenoglio)

Era il 28 marzo 1960, un lunedì di inizio primavera quando Beppe e Luciana si sposano in Comune ad Alba. E' un rito civile, sono i primi in città a volerlo e grazie a loro vengono istituiti i registri per i matrimoni civili.
Nell'immagine i coniugi Fenoglio in uno scatto di A. Agnelli, archivio Centro studi Beppe Fenoglio.

 Viaggio di nozze a Ginevra

2017, UN ANNO RICCO DI ANNIVERSARI



10 anni dell’IPhone

20 anni della morte di Madre Teresa di Calcutta

20 anni della morte di Lady Diana

30 della prima puntata dei Simpson

30 anni della morte di Andy Warhol

30 anni della morte di Primo Levi

40 anni di Guerre Stellari

50 anni della morte di Totò

60 della prima Fiat 500

60 anni del lancio della cagnetta Laika nello spazio

80 anni della morte di Lou Salomé

100 anni della nascita di Kennedy

100 anni della Rivoluzione di Ottobre

100 anni della disfatta di Caporetto

150 anni della nascita di Luigi Pirandello

150 anni della nascita di Marie Curie

500 anni della Riforma Luterana

Lettori fissi